Danilo Mauro Malatesta

Danilo Mauro Malatesta nasce a Chicago nel 1966, cresce in giro per il mondo, e all’eta di 20 anni diventa fotoreporter in Africa. I suoi scatti hanno raccontato momenti storici cruciali e suoi lavori sono stati pubblicati su importanti testate giornalistiche italiane ed internazionali. Nel diluvio digitale, Malatesta procede controcorrente, seguendo il suo cuore fino agli albori della fotografia. Una dimensione perduta, dove la difficoltà dell’esecuzione e dei materiali di lavoro attanaglia il fotografo in una rigorosa riflessione estetica. Così Malatesta in questi recenti anni, si innamora di un’antica tecnica fotografica chiamata Wet Plate Collodion. Una fotografia ai margini che l’artista definisce “una terapia contro la violenza digitale che stiamo subendo”. Fra i suoi lavori più iconici: "La Sindone di Vetro "Museo della Sindone di Torino, 2018"ScheggeMistiche”Galleria Pietrosanti Roma, 2018"De Secunda Pietate ”Chiesa Rettoria di Sant’Andrea al Celio, Roma, 2019Presentazione della prima opera realizzata con la rara tecnica dell’Ambrotipia (Wet Plate Collodion)con una preziosa Tailboard Camera del 1850, costruita da Patrick Meagher, (Photographic Apparatus Manufacturer, 21 Southampton Row, High Holborn, Londra) con lente Hermagis f 4.5 Paris Por-trait Lens N 4.“Le Ombre Senza Voce della Omo Valley ”Metropolitan Art Museum, Tokyo, 2017“Around the Wall ”Festival degli Autori di Diari di Viaggio, Ferrara, 2017“Upside/Down”Biblioteca di Papa Agapito I,Roma, 2020